Loading.....

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. X

Galleria Patricia Armocida Logo
Artsy

HELENA PARADA KIM | KAPPAO
DUO SOLO SHOW


Inaugurazione 22 Settembre 2022 h 19:00, Via Argelati n° 24, 20143 Milano (MI)


Fino al 16 Dicembre 2022

HELENA PARADA KIM | KAPPAO
DUO SOLO SHOW

23 Settembre - 16 Dicembre 2022

La Galleria Patricia Armocida è lieta di annunciare il duo solo show di Helena Parada Kim e Kappao. L’inaugurazione si terrà giovedì 22 settembre ore 19.00.

 

 

 

Helena Parada Kim In occasione della sua prima mostra personale in Italia, curata da Tiziana Castelluzzo, presenta quattordici nuovi lavori, cinque tele ad olio su lino e nove dipinti ad olio su carta.

 

 

"I miei dipinti non consistono nel ritrarre la figura concreta di una persona, ma nell'esprimere la sua identità culturale " - Helena Parada Kim

 

Figlia di una infermiera coreana emigrata in Europa dopo la guerra di Corea e di un ex monaco spagnolo, nata e cresciuta in Germania, Helena comincia a dipingere fin dall’infanzia. L’ambiente multiculturale in cui cresce la spinge a cercare di comprendere e conoscere la cultura, la lingua e la storia delle sue radici ed in particolare la cultura del paese di sua madre, la Corea. 

 

Mentre frequenta una delle accademie d’arte tedesche più prestigiose a Düssendorf sotto la guida di Peter Doig, si imbatte in uno dei vecchi album fotografici di sua madre e rimane particolarmente colpita da una foto che la ritrae con le sue cinque sorelle, nell’imminenza della partenza per l’Europa, vestite con l’abito tradizionale coreano: l’Hanbok. 

Ispirata da quella foto che catturava il senso di disperazione di una famiglia che stava emigrando, separandosi per sempre, Helena sceglie proprio l’Hanbok come elemento che meglio rappresenta il tema dell’identità culturale che diventerà centrale nel suo lavoro. 

 

Dopo un lungo periodo di ricerca, Helena sviluppa la serie degli Hanbok, dove figure umane appaiono sfumate, sfuocate come lo sono le foto e i ricordi di un vissuto mai sperimentato. Nonostante la sagoma delle mani e della testa, i soggetti scompaiono dentro gli abiti astraendosi e l’abito assurge a simbolo per ritrarre il soggetto e allo stesso tempo, per ricordarlo. 

 

Nei sui dipinti l’Hanbok rappresenta un elemento di dignità e di sopravvivenza culturale che resiste alla storia di un luogo geopoliticamente instabile. Helena espande questo concetto nella serie "Kyopos", dove ritrae figlie di immigrati coreani in Germania in abiti tradizionali immerse in un contesto esplicitamente occidentale e contemporaneo, nel desiderio di mescolare e confondere le diverse culture, Oriente e Occidente, tradizione e modernità.

 

Questo desiderio di creare un legame tra cultura orientale ed occidentale è anche espresso nella tecnica pittorica utilizzata da Helena che attinge ai grandi maestri della tradizione pittorica europea. In particolare Velázquez e Zurbaràn rappresentano una delle principali fonti di ispirazione delle sue opere. 

 

 

 

Kappao per la sua nuova mostra personale presso la galleria, presenta settantotto sculture in ceramica di piccole e medie dimensioni e otto dipinti su tavola.

 

 

Dopo aver studiato Sociologia all'Università di Corea a Seoul, Kappao si trasferisce in Italia per studiare all'Accademia di Brera di Milano. Una volta tornata in Corea prosegue la sua attività scultorea con la tecnica della ceramica, dedicandosi anche alla pittura. 

 

La ricerca artistica di Kappao indaga le relazioni umane nella società contemporanea. Fin dalla nascita le persone instaurano relazioni con gli altri e vivono interagendo con famigliari, amici, amanti, colleghi. In questi rapporti ognuno crea le proprie emozioni e la propria personalità, comprende i pensieri e i sentimenti degli altri e stabilisce i confini della vita sociale. 

 

L’empatia emotiva che si condivide con le persone vicine, ma anche con gli animali domestici, con gli oggetti e gli spazi a noi familiari, ci permette infatti di essere noi stessi dandoci conforto psicologico. 

 

Eppure all’interno della rete di rapporti con il mondo esterno siamo come piccole isole, legate da una sottile linea tratteggiata che ci unisce ma ci mantiene a una giusta distanza l’uno dall’altro.

 

I personaggi in ceramica di Kappao hanno delle espressioni ambivalenti e non facilmente rilevabili, senza una chiara rappresentazione del sesso, dell’età o di altre caratteristiche che possano alludere alla loro identità. Hanno sottili espressioni facciali che sembrano esprimere curiosità, indifferenza, gioia o noia. Appaiono a tratti felici a tratti no, a volte sembrano quasi imbarazzati dalle emozioni che cercano di contenere, senza riuscirci, perché sopraffatti dal momento che stanno vivendo. I loro volti distolgono lo sguardo dallo spettatore, come a voler nascondere i propri pensieri. 

 

Attraverso queste espressioni e nella relazione che suscitano nello spettatore, Kappao cerca di catturare l’essenza dei soggetti e delle interazioni tra gli esseri umani, un continuo rimando tra conforto, solitudine e alienazione. 

 

Nei dipinti invece, piccoli spazi, giardini segreti, case, uccelli, puledri e alberi sono schierati ritmicamente in un palcoscenico, decorato come un teatro. Oggetti minuti e vari motivi sono disposti giocosamente, simili ai liberi stati immaginativi dell’infanzia. Un’atmosfera di vita casuale e spontanea che conduce ad un viaggio in uno spazio interiore e conforta la mente.

 

Le figure di Kappao rappresentano il ritratto di ciascuno di noi e della complessa psicologia dell’essere umano contemporaneo. 

 

 

 

Biografie:

 

Helena Parada Kim nasce a Colonia (Germania) nel 1982.

 

Si diploma alla Kunstakademie di Düsseldorf nel 2009 e consegue un master in pittura con il Prof. Peter Doig. Ha esposto internazionalmente in gallerie ed isituzione pubbliche. 

 

Tra le mostre personali ricordiamo: Caché, Choi&Lager Gallery, Cologne, Germany, 2021; Wasser, Portraits, Schatten, Neue Galerie Gladbeck, Germany, 2019; Ausencias, Korean Cultural Centre, Madrid, Spain, 2018; ANDREAS BLANK & HELENA PARADA KIM, Choi&Lager Gallery, Seoul, Korea, 2018; Helena Parada Kim with Gorka Mohamed, Choi&Lager Gallery, Cologne, Germany, 2016; In Mother ́s Hanbok, Galerie Tristan Lorenz, Frankfurt a.M.,Germany, 2015; Helenes Room, Eiskellerberg, Düsseldorf, Germany, 2013; Helena Parada, Galerie Bugdahn und Kaimer, Düsseldorf, Germany, 2010; Die Gesandten, Kunstverein Recklinghausen, Recklinghausen, Germany; 2009.

 

Tra le esposizioni collettive ricordiamo: Girl meets Girl, Vestfossen Kunstlaboratorium, Norway, 2022; Korean Eye, Seoul, Korea, 2021; Draw Art Fair with Choi&Lager Gallery, London, England, 2019; Korean Eye, Saatchi Gallery, London, 2019; NON SENSE MUSIC # 2 - BORDERS, Kunstraum Kreuzberg/Bethanien, Berlin,2018; The king of table, entretempo, Kitchen Gallery, Berlin, Germany, 2017; Weinosten, Hilbert Raum, Berlin, Germany, 2017; Please return to Busan Port, Vestfossen Kunstlaboratorium, Vestfossen, Norway, 2016; Art Busan with Choi& Lager Gallery, Busan, Korea, 2016; ASIA NOW PARIS Asian Contemporary Platform, with Choi&Lager Gallery, Paris, France, 2015;  Self-Consciousness, curated by Peter Doig and Hilton Als, Veneklasen and Werner, Berlin, Germany, 2010.

 

 

 

Kappao (Ko Myeong-shin) nasce a Jeju, Repubblica di Corea nel 1977.

 

Il nome KAPPAO trae origine dalla pronuncia delle lettere "K" come "Kappa" e "O" come "O" che l’artista utilizzava quando viveva in Italia per fare lo spelling del suo nome di battesimo: Ko. Anche in questo Kappao ci parla in modo indiretto delle relazioni e delle reazioni emotive che possiamo immaginare si creassero quando cercava di farsi capire pronunciando il suo nome. 

 

Nel 2009 ha studiato arte decorativa all'Accademia Nazionale di Brera a Milano. Ha esposto internazionalmente  HAND IN HAND. HOBAN art salon, Gwangmyeong 2021;  I'm home. Lotte gallery. Busan 2021;Precious things, precious things are precious. Atelier AKI, Seoul 2020; Little Forest,  Lotte Gallery, Seoul 2018; Circus, Noblesse collection, Seoul 2017; Kappao World, Gana art edition, Seoul 2015; The Delicacy of Tiny Things: DIEM+KAPPAO, Galleria Patricia Armocida, Milan, 2012; The Uneasy Truth, The White Gallery, Milan 2010.

READ MORE

Artisti: HELENA PARADA KIM | KAPPAO (presente all'inaugurazione)
Titolo: DUO SOLO SHOW
Date: 23 Settembre - 16 Dicembre 2022
Inaugurazione: 22 Settembre 2022 h 19:00

Presso: GALLERIA PATRICIA ARMOCIDA
Orari: dal Martedì a Sabato, 11.30 - 19.
Ingresso: Libero
Ufficio stampa: info@galleriapatriciaarmocida.com