Loading.....

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. X

Galleria Patricia Armocida Logo

BIANCA CASADY, Le Combat Spiritual


Inaugurazione 26 Novembre 2008 h 18:00,


Fino al 24 Gennaio 2009

BIANCA CASADY, Le Combat Spiritual

26 Novembre - 24 Gennaio 2009

La Galleria Patricia Armocida di Milano ha presentato La Combat Spiritual, la prima mostra personale di Bianca Casady che ha inaugurato mercoledì 26 novembre 2008.

 

Bianca Casady, artista tra le più eccentriche e trasversali della giovane scena indipendente americana, poetessa, scrittrice e cantante nel duo Cocorosie, per l'occasione presenta disegni, acquarelli su carta, collages, video e una installazione site specific.

 

La Combat Spiritual, titolo della mostra, ha fatto riferimento alla lotta per la libertà spirituale e i miti personali. In questi ultimi lavori l'artista ha elaborato la bellezza androgina delle fate e degli angeli per esplorare la possibilità di un tempo al di là del patriarcato, al di là dell'umanità.

Secondo Bianca Casady "il genere" è lo strumento che utilizza il patriarcato per opprimere i suoi figli e la ricerca di questi esseri celesti può guidare una prossima evoluzione umana verso l'originario stato di perfezione: la riduzione di ogni dualismo all'unità fondamentale attraverso la rinascita androgina.

I temi sono di tipo post apocalittico e di speranza. Un nuovo inizio da una terribile fine. Vengono riciclati oggetti, immondizia, abbigliamento, come reminescenze di un passato "dei tempi umani".

In questa serie di disegni il Burka è un modulo ricorrente. Il velo è dipinto su tipiche immagini di archetipi mascolini. A questo proposito Bianca Casady dichiara: "Di recente mi ha molto colpito la storia  di come in Iran non esista l'omosessualità  visto che ai gay è stata data come unica opzione l' intervento chirurgico per cambiare sesso e vivere il resto della loro vita sotto il velo". In questi lavori, testi scritti da Bianca Casady  accompagnano i disegni a ricordare come la poesia e la parola scritta siano il punto di partenza e la nascita di tutte le sue immagini.

 

In occasione della mostra è stato pubblicato il catalogo in edizione limitata curato da Blanco (www.studioblanco.it) uscito nel Gennaio 2009.

 

Bianca Casady nasce nelle Hawaii. Fin da bambina gira gli Stati Uniti con la madre (nativa americana prima insegnante e ora artista), il padre (studioso dello Sciamanesimo) e la sorella Sierra assaporando la libertà di una vita nomade che l'accompagnerà anche una volta cresciuta. Poco più che adolescenti Bianca e Sierra si separano, la prima studia sociolinguistica e segue la sua passione per la scrittura e le arti visive a New York, la seconda studia canto lirico al Conservatorio di Parigi.  A New York Bianca ha insegnato scrittura creativa, tenuto una serie di incontri multimediali nel suo loft, prodotto diverse linee di abbigliamento composte da pezzi unici presentati come istallazioni multimediali ed ha anche pubblicato alcune serie di libri realizzati a mano.

Nel 2002 Bianca decide di rivedere la sorella: da questo incontro ha inizio il progetto musicale. Con Sierra forma il duo Cocorosie e insieme registrano il loro primo album La maison de mon reve con l'etichetta indipendente Touch and Go, 2004,  acclamato dalla critica e dal pubblico, a cui son seguiti altri due album Noah's Ark  nel 2005 e The Adventures of Ghosthorse and Stillborn, 2007. La scrittura, il disegno e l'arte performativa sono strettamente legati nel lavoro di Bianca Casady e nel 2007 debutta con la mostra personale Lil Girl Slim Cosmic Willingness Pipe Dreamz a Revelation presso la Galleria Deitch Project di New York a cui segue la personale Flowers for the ones you loved. Nature Angels Humans ..the end of the sun nel 2008  presso la Wall House di Groningen in Olanda e la recente collettiva  Not only rock and roll baby! al Museo di Arte Contemporanea Bozart di Brussel.

ARTISTA