Loading.....

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. X

Galleria Patricia Armocida Logo

PARRA, Il Senso di Colpa


Inaugurazione 26 Maggio 2013 h 18:00,


Fino al 26 Luglio 2013

PARRA, Il Senso di Colpa

27 Maggio - 26 Luglio 2013

La Galleria Patricia Armocida ha presentato nel 2013 la seconda personale di Parra, tanto attesa dopo il successo del 2009, dal titolo Il senso di colpa.

 

Per l'occasione è stata esposta la nuova produzione di lavori: 7 tele, 10 acquarelli, tre disegni in bianco e nero e due sculture.

 

Il senso di colpa che dà il titolo alla mostra riguarda il giudizio su noi stessi in ogni ambito della nostra vita: lavoro, relazioni di coppia, rapporti interpersonali.

 

Originario del sud dell'Olanda, inizialmente considerato artista "culto" da chi si occupa di grafica e comunicazione, negli ultimi anni Parra è approdato ad importanti gallerie internazionali e musei, come, ultimamente, il MOMA di San Francisco. Parra è un artista dai molteplici talenti è illustratore, graphic designer, fondatore della linea d'abbigliamento Rockwell Clothing, dj e musicista nelle band Lele e Parra Soundsystem.

 

Parra è noto ai fanatici delle sue illustrazioni per i temi e i motivi che sono diventati marchio inconfondibile e distintivo del suo stile: colori piatti al massimo della saturazione, vibranti lettere tipografiche disegnate a mano e un mondo popolato da personaggi ibridi, bizzarri, surreali. Uomini dalle teste di uccelli, donne carnali e voluttuose dai corpi rotondi e sensuali, combinati a testi e temi tra i più svariati, da sarcastici e introspettivi a più ironici e audaci fino ad arrivare al non-sense.

 

 

Piet Janssen "Parra" (1976) vive e lavora ad Amsterdam.

Figlio d'arte, un passato da skater, ha cominciato da autodidatta disegnando grafiche per linee d'abbigliamento sportivo, cover degli album per gruppi musicali underground e illustrando poster e flyer per i clubs. Le serigrafie dei suoi manifesti dalle sagome chiuse da outline spessi, le tinte piatte e i testi spesso divertenti, hanno reso il suo stile immediatamente riconoscibile. Celebre e popolare nel panorama indipendente prima, è divenuto presto uno degli illustratori più riconosciuti, creativi ed eclettici a livello mondiale. Noti brand d'abbigliamento hanno affidato a Parra la customizzazione in limited edition dei loro prodotti, la sua mano ha illustrato importanti campagne pubblicitarie i suoi lavori sono stati esposti in diverse mostre personali in Europa e Stati Uniti.

 

Tra le mostre più recenti ricordiamo: No Work Today, Joshua Liner Gallery, New York, 2016; Juxtapoz x Superflat, Pivot Art + Culture, Seattle, 2016; Summer Mixer,  Joshua Liner Gallery, New York, 2016; I Can't look at your Face Anymore, Ruttkowski: 68, Cologne, 2016; Salut, Alice Gallery, Brussels, 2015; Yer so Bad, Jonathan Levine, New York, 2015; Same Old Song, HVW8, Los Angeles, 2014; Tracy had a Hard Sunday, Jonathan Levine Gallery, New York City, USA, 2013; Kind Regrets, HVW8 Gallery, Los Angeles, USA, 2012; Weirded Out, SF MOMA, San Francisco, 2012; The Amsterdam Show, Common Gallery, Tokyo, Giappone, 2010; The Disco of Italo, Galleria Patricia Armocida, Milano, 2009; Is that a gun my friend?, HVW8 Gallery Los Angeles, 2009; Boo to the Hoo, Lazy Dog Gallery, Parigi, 2009; Random Tits, Reed Space, New York, 2008; Parrived, Arrive, Miami, 2007; LalaLa, HVW8 Gallery Los Angeles, 2007; Tips And Typo, Kemistry Gallery, Londra, 2005.

ARTISTA