Loading.....

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. X

Galleria Patricia Armocida Logo

BIANCA CASADY, Grasswidow


Inaugurazione 06 Febbraio 2012 h 18:00,


Fino al 23 Marzo 2012

BIANCA CASADY, Grasswidow

07 Febbraio - 23 Marzo 2012

La Galleria Patricia Armocida ha presentato Grasswidow, la seconda mostra personale di Bianca Casady, eccentrica, trasversale, poetessa, cantante americana del duo Cocorosie, che ha inaugurato martedì 7 Febbraio 2012.

 

L'artista è ternata dopo tre anni dalla precedente mostra con una cinquantina tra disegni, collages, fotografie. 


Bianca Casady, autoproclamatasi "scrittrice più di ogni altra cosa", crede che la sua prosa prenda forma nel modo più naturale in espressioni visive come nei testi. Da sempre, in molte delle sue opere, le parole accompagnano i disegni: poesie visionarie, immagini decadenti che fluttuano su copertine di libri bruciati, cera colata su tarocchi, simulacri di un potere sovraumano, evocatori di rituali magici. 
 

La serietà del disegno di antichi libri d'anatomia viene stemperata dai suoi interventi pittorici ai quali sovrappone elementi kitsch, come ciocche di capelli, piume colorate, glitter, scintillanti stickers di delfini. Bianca afferma: "Mi diverto a compensare l'antico con il carattere moderno e grottesco della plastica". Nel suo paradiso artificiale di unicorni e arcobaleni l'artista si diverte a sovrapporre svastiche, stelle di David, croci della Camargue, tutti insieme nello stesso parco giochi, simboli che affiorano e perdono così il loro significato storico, religioso e politico, recuperando il loro valore originario. 
 

Ritorna il Burqa, che nelle opere precedenti denunciava la situazione dell'omofobia in Iran, mentre nelle nuove opere viene fatto indossare indistintamente a uomini e donne, per approdare ad un'androginia libera da preconcetti. Lei stessa cerca di superare le distinzioni di genere attraverso le sue personificazioni, giocando sulla dicotomia maschile/femminile, la sua personalità cangiante sembra abitare più corpi e più epoche allo stesso tempo. La trasformazione è parte della sua ricerca: "L'arte di cambiare se stessi è il primo passo verso una nuova luce". 
 

Bianca nel corso degli anni ha creato tutti i video e gli abiti per i concerti delle Cocorosie, sono assemblaggi di stoffe, ritagli, combinazioni paradossali di costumi pop, vittoriani, parrucche, trucchi rituali e gotici. Nelle fotografie ritrae sua madre e il suo compagno, travestiti e trasfigurati nei suoi alter ego, sui quali dipinge trasformandoli in un altro attore, veicolo e narratore del suo infantile incanto. 
 

Il nuovo corpo di lavori ha parlato anche di solitudine e isolamento, esplora l'universo di possibilità all'interno delle quali ci sentiamo prigionieri: del nostro genere, della nostra razza, della nostra cultura. Con il termine grass widow si indica una donna il cui marito è spesso lontano per lunghi periodi di tempo; per l'artista la parola assume un significato più ampio: Grasswidow è qualcuno che si trova in uno stato di attesa, aspettando la felicità, colto in uno stato temporaneo di cordoglio che non lo abbandona mai, in una "provvisorietà perpetua". 


Bianca Casady (Nata nel 1982 a Hilo, Hawaii), vive tra Parigi e New York City. 
Con la tendenza ad esprimere i suoi pensieri e le sue storie in musica, prosa, moda, disegni e scultura, Bianca "Coco" Casady è un'artista a tutto tondo. 


Ha esposto in gallerie internazionali come The Sunday Issue Gallery a Tokyo, Deitch Projects a New York, Galleria Patricia Armocida di Milano, Art Basel in Florida, al Bozar Center for the Fine Arts in Belgio e alla Biennale di Mosca. Nel 2012 Bianca terrà una mostra personale alla galleria Cheim and Read di New York. Il suo lavoro è inoltre stato esposto alla Wall House in Olanda, dopo una residenza d'artista della durata di un mese a Groningen. 
 

Nel 2003 Bianca "Coco" si riunisce con la sorella Sierra "Rose", dopo anni di lontananza, ciò che ne nasce è CocoRosie, un' innovativa collaborazione in musica, poesia e performance che prende ispirazione da un'infanzia nomade infusa di creatività e di incoraggiamento verso l'anticonformismo. Il dinamico duo ha realizzato quattro album, promossi da tour mondiali. Le performance di CocoRosie incorporano sempre i video creati da Bianca. 
 

Nel 2005, con Militia Shimkovitz, ha aperto la sua etichetta discografica, Voodoo-EROS Records. L'anno seguente ha fondato e curato uno spazio espositivo alternativo nel Lower East Side di Manhattan, The Museum of Nice Items. Più recentemente ha aperto Mad Vicky’s Tea Gallery a Parigi. Bianca ha inoltre ospitato sfilate di moda, saloni d'artisti e readings di poesia durante gli anni e insegnato poesia a New York City. 

Mostre personali: Daisy Chain, Cheim and Read Gallery, New York, 2012; Grasswidow, Galleria Patricia Armocida, Milano, 2012; Hood Lum, Sunday Issue Gallery, Tokyo, 2011; Swamp Candle, Capricious Gallery, New York, 2010; Wall House, Groningen, 2008; Le combat spiritual, Galleria Patricia Armocida, Milano, 2008; Deitch Projects, New York, 2007; Art Basel, Deitch Projects, Miami, 2007; Museum of Nice Items, New York, 2006.


Collettive: Donau Festival, Krems, 2012;  Moscow Biennale, Mosca, 2011; It's Not Only Rock and Roll Baby, Milano Triennale, Milano, 2010; It's Not Only Rock and Roll Baby, Bozar Center for the Fine Arts, Brussels, 2008.

ARTISTA