Loading.....

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. X

Galleria Patricia Armocida Logo

BLU


BLU

Come scrive Fabiola Naldi: "La parte fondamentale del lavoro di Blu è l’aderenza diretta sulla pelle muraria della città, luogo privilegiato e contenitore perfetto di testimonianze, interventi, cancellazioni e sovrascritture intese come memoria collettiva di una città sempre più frenetica e sempre meno attenta a ciò che le accade intorno.

L’abbandono di alcuni codici tipici dell’aerosol art ha permesso a Blu di diventare sempre più aderente alla superficie che lo accoglie e lo contiene, e ha condotto i suoi strani uomini privi di riconoscibile fisionomia a liberarsi di aspettative pittoriche classiche e di uniformarsi sempre più a un unico grande intervento. I personaggi di Blu raramente sono diversi fra loro, perché testimoni di una perdita di referenzialità a favore di una sempre nuova breve storia da raccontare. L’assenza di una firma, sintomo e sinonimo di un’autocertificazione del pezzo, permette a questi strani personaggi, dal volto unico e ripetuto all’infinito, di divenire ogni volta altre storie, altri pensieri, altre riflessioni sulla realtà che loro, come noi, vivono e subiscono. Ecco chi sono questi alieni e alienati: il pretesto perfetto di testimoniare, in una sorta di grande specchio riflettente, il dentro e il fuori, la superficie del muro e la strada, la finzione del ”pezzo” finito e la realtà di chi, stupito ma affascinato, si riconosce in loro.”

 

Dal 2000 BLU ha dipinto muri in Italia, Spagna, Germania, Inghilterra, Argentina, Costa Rica, Nicaragua, Messico, Guatemala e Brasile. Nel 2006 insieme al regista Lorenzo Fonda ha documentato il viaggio e il lavoro realizzato attraverso Messico, Guatemala, Nicaragua, Costa Rica e Argentina dal titolo "Megunica".

 

Tra le mostre collettive più importanti ricordiamo: Street Art, Tate Modern, Londra (UK) 2008; Santa's ghetto, Betlemme (Palestina) 2007; The Streets of Europe, Jonathan Levine Gallery, New York (USA), 2007; Super Fluo, Lazarides Gallery, Londra (UK), 2007; BackJump - The Live Issue#3, Kunstraum Kreuzberg/Bethanien, Berlino (Germania), 2007; Street art Sweet art, Padiglione Arte Contemporanea , Milano 2007; Urban Edge P4, Milano, 2005.

 

Tra i progetti pubblici: Memoria Canalla, Bogotà (Colombia), 2009; Influencers, Barcellona (Spagna), 2008; Planet Prozess, Senatsreservenspeicher, Berlino (Germania), 2007; A Conquista do Espaço Sesc Pinheiros, Sao Paulo (Brasile), 2007; Via Lombardia 36, Bologna, 2007; Walls Around Verona, 2006; Spina Comacchio, 2006; Fill in Good, Pesaro, 2006; Sound Zero, Merano, 2006; Outides,Wuppertal (Germania), 2006; Urban Eyes, Belfast (Ireland), 2006; Segundo Asalto, Zaragoza (Spagna), 2006; Poliniza, Valencia (Spagna), 2006; Murales de Octubre, Managua (Nicaragua), 2005.